seme di canapaIl seme della vita esiste. Ed è il seme della canapa. Esagero? No. Non solo vi dico che esiste, ma anche che è ricco di Omega 3 e 6, acidi grassi fondamentali per la salute, di proteine nobili con tutti i nove amminoacidi essenziali, vitamine e minerali. Non solo pesce, crostacei e spinaci sono ricchi di sostanze nutrienti e antiossidanti ma anche i semi. E quelli di canapa sono facili da assumere e gradevolissimi.Canapuglia Fattorie, uno dei brand della nostra realtà, tra i suoi prodotti offre proprio i semi, in entrambe le varianti (shop online qui sul sito oppure nella sede di Conversano, a 35 km a sud-est di Bari). E non nascondo che nel nostro emporio sono sempre in bella vista sul bancone, pronti per essere assaggiati da chi ci viene a trovare.

Tutti, quando pensano alla cannabis, pensano all’infiorescenza. Ma da dove nasce il fiore? Proprio dal seme, come cantava Sergio Endrigo nella filastrocca per bambini di Gianni Rodari. Da una lenticchietta nascono piante alte fino a sette metri ma si estraggono anche le sostanze naturali utili al benessere psicofisico.  Di questi benefattori, i cosiddetti “superfood”, ne ho parlato al Seeds&chips di Milano, ospite di nello stand di Coldiretti in cui è stata allestita una mostra sui mille usi della pianta più versatile dell’agricoltura italiana che, grazie alle nuove tecnologie, entra in tanti modi diversi nella vita quotidiana della famiglie. Dallo studio “La new canapa economy”, presentato in fiera la scorsa settimana dalla maggiore associazione di coltivatori, è emerso il boom della canapa in Puglia, anche grazie alla legge regionale entrata in vigore il 14 gennaio 2017 che ha favorito il moltiplicarsi di terreni e produzione. Tra i mille usi della pianta, c’è proprio quello agroalimentare. E tutto comincia dal seme. Perché olio, farina, pasta, prodotti da forno, birra, taralli, derivano tutti da un seme piccolo come una lenticchia ma dalle enormi potenzialità nutritive. I rematori fenici, prima di affrontare lunghe traversate, mangiavano manciate di semi per avere l’energia necessaria e sentirsi leggeri ma sazi. Il frutto della canapa è un seme oleoso, prodotto dalla pianta alla fine del ciclo colturale che termina a settembre. Viene selezionato, essiccato e confezionato. Può essere consumato intero come snack, come gli altri semi, oppure decorticato. Si può aggiungere nello yogurt, sui formaggi, sul pesce, sui dolci. È perfetto con le insalate o ancora nel muesli, nei frullati e nelle macedonie. Il decorticato è un seme morbido, ha un sapore dolce e gradevole come quello di una mandorla, quello intero è un po’ più amaro e croccante. Entrambi sono una sorta di integratore alimentare vegetale. E sono anche belli da vedere, tanto da essere spesso usati nella decorazione dei dessert.Hanno un unico limite, quello di non poter essere cotti. Vanno consumati sempre crudi per mantenere intatti i valori nutrizionali.